Chiamaci al +39 346 7449206 o scrivici all'indirizzo info@foodoc.it

Seguici:

FOODOC® AI Label Validator. Come fare di necessità virtù!

FOODOC® AI Label Validator. Come fare di necessità virtù!

Tempo di lettura: 3 minutes

In una tranquilla cittadina di provincia affacciata sul Mare Adriatico, un gruppo di professionisti visionari ha dato vita a qualcosa di straordinario. Vi presentiamo FOODOC® AI Label Validator: lo strumento che mira a rivoluzionare la verifica di conformità normativa delle etichette alimentari.

Unitevi a noi per scoprire come questa innovazione cambierà le regole del gioco per i produttori di alimenti, una etichetta alla volta.

Come spesso accade, le più brillanti innovazioni nascono per caso, come il microonde di Percy Spencer, per errore, come il post-it della 3M, oppure per necessità.

E proprio la necessità è stata la spinta che ha dato vita al nostro progetto, ma cerchiamo di scoprire come.

Dopo diverse notti insonni, combattimenti corpo a corpo contro la disarmante burocrazia italiana e mille ostacoli da superare, il nostro software di gestione per etichette multilingua era finalmente pronto per il mercato.

 

La soluzione, nata come risposta ad una specifica esigenza gestionale di una industria dolciaria, aveva tutte le carte in regola per diventare il punto di riferimento del settore:

  • gestione centralizzata e controllata delle informazioni tecniche di prodotto
  • traduzioni facilitate e contenuti tradotti in 30 lingue del mondo
  • progettazione grafica dei documenti (etichette, schede tecniche e commerciali) con editor visuale web WYSIWYG
  • gestione del flusso di approvazione online
  • stampa facilitata senza errori

 

Quello che tuttavia non avevamo considerato era la variabile tempo. Sì proprio il tempo, perché dopo diversi colloqui e demo del prodotto ci eravamo accorti che ritagliarsi uno spazio da protagonisti nell’arena delle soluzioni per la digitalizzazione dei processi documentali delle aziende del settore risultava più difficile del previsto e i tempi delle trattative erano lunghi, troppo lunghi. Tanto lunghi da minare la sopravvivenza stessa della nostra start-up che rischiava di trovarsi di lì a breve a dover gestire una liquidità ridotta all’osso (il 30% delle start-up fallisce per esaurimento dei fondi!).

 

Avevamo bisogno di una nuova idea, di un tool più semplice che potesse sì essere integrato nella nostra soluzione enterprise ma anche essere proposto e venduto stand-alone in modalità self-service. Una soluzione insomma che potesse garantire tempi di chiusura delle trattative decisamente più corti!

Erano i mesi della rapidissima ascesa dei tools di intelligenza artificiale generativa come ChatGPT, GeminiAI, BingAI, Calude. Ed erano i tempi in cui dovevamo decidere, e in fretta, come avremmo affrontato i difficili mesi a venire.

 

Così, riflettendo sui principali “mal di pancia” che le aziende alimentari manifestavano nella gestione del processo di etichettatura e ricombinando insieme alcuni tasselli del puzzle (esperienze, idee e nuove tecnologie di frontiera), decidemmo di imbarcarci in questa nuova avventura con una sola idea chiara nella testa: realizzare il più innovativo strumento di validazione normativa delle etichette alimentari basato su algoritmi di Intelligenza Artificiale!

Nel mondo antico molti filosofi greci consideravano la necessità come un principio cosmico che governava l’universo. La necessità era quasi una forza o un principio che dava ordine al caos.

E fu proprio così, per necessità, per dare ordine al caos che caratterizzava quel difficile momento della nostra azienda, che venne alla luce l’idea di “FOODOC® AI Label Validator”.

 

Stay tuned!