Etichette alimentari

L’impatto delle etichette nutrizionali

Tempo di lettura: 2 minutes

Lo studio


La cattiva alimentazione è uno dei principali fattori di rischio di morte, oltre che essere la causa di numerose patologie. Un’alimentazione corretta è invece imprescindibile ai fini di uno stile di vita sano e del raggiungimento del benessere globale dell’individuo. La dieta è condizionata da molteplici fattori: routine, sonno, stress, fame, appetito, ecc. Negli anni è cresciuto l’interesse attorno all’influenza che le etichette nutrizionali hanno nello scoraggiare le cattive abitudini e nell’incentivare scelte alimentari più salutari.

Jing Song della Queen Mary University di Londra ha condotto uno studio insieme a suoi colleghi sull’impatto delle etichette nutrizionali sulle abitudini alimentari della popolazione. Il team ha analizzato 134 studi condotti tra il 1990 e il 2021, applicando un metodo analitico detto meta-analisi di rete per integrarne i risultati. Oggetto dello studio sono quattro sistemi di etichettatura: due che utilizzano codici-colore (etichettatura a semaforo) e due con avvertenze (avvisi sui nutrienti e sulla salute).


I risultati: come le etichette nutrizionali influenzano le scelte alimentari


Questa revisione sistematica ha dimostrato che tutti i sistemi di etichettatura analizzati hanno prodotto un miglioramento, spingendo i comportamenti d’acquisto verso prodotti più salutari. La valutazione nutrizionale degli alimenti riportata in confezione spinge effettivamente i consumatori verso prodotti con meno calorie, sodio e grassi, coerentemente con le motivazioni che hanno portato alla loro adozione a livello internazionale.

La ricerca non si è fermata qui. Ha analizzato anche le motivazioni psicologiche dietro le scelte di acquisto, in particolare i punti di forza di ciascun tipo di etichettatura. Le etichette nutrizionali con codice colore sono risultate più efficaci nel promuovere prodotti più salutari. Le etichette contenenti specifiche avvertenze sembrano avere il principale effetto di scoraggiare l’acquisto dei cibi più dannosi per la salute.

Questo studio fornisce prove a sostegno delle politiche obbligatorie di etichettatura. Infatti le indicazioni nutrizionali sono utili non solo per orientare la scelta dei consumatori, ma anche per incoraggiare l’industria alimentare a riformulare i prodotti. Dato infatti l’enorme potere delle etichette nutrizionali nell’influenzare le abitudini di acquisto, potrebbe essere altrettanto grande quello sulle scelte di produzione delle industrie agro-alimentari.

I dati ottenuti dai ricercatori aprono nuovi scenari futuri. Ad esempio, si dovrebbe indagare l’impatto delle etichette sul consumo alimentare e sulla riformulazione industriale su scala più ampia e su un arco di tempo più lungo. Questo fornirà prove esaustive e cruciali per guidare l’elaborazione delle politiche di etichettatura. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Settings
We use cookies to enhance your experience while using our website. If you are using our Services via a browser you can restrict, block or remove cookies through your web browser settings. We also use content and scripts from third parties that may use tracking technologies. You can selectively provide your consent below to allow such third party embeds. For complete information about the cookies we use, data we collect and how we process them, please check our Privacy Policy
Youtube
Consent to display content from Youtube
Vimeo
Consent to display content from Vimeo
Google Maps
Consent to display content from Google
Spotify
Consent to display content from Spotify
Sound Cloud
Consent to display content from Sound